Formica

Formica

Fiaba psicoeducativa

“La formichina ha iniziato a imparare in prima elementare. Fin dall'inizio, non ha potuto far fronte ai compiti, cosa hanno le formiche a scuola?. Imparano a raccogliere, e poi trasportare le cose. Imparare è difficile, portano bastoni sulla schiena ogni giorno, volantini, ramoscelli, fragole, frutti di bosco, e imparano anche, come imballarli?, che non sarebbero stati distrutti. La formica era molto laboriosa, voleva molto ricevere buoni voti, ma allora cosa - era molto piccola?, così grasso, ragazzino e non poteva sopportare tutti questi fardelli. Altri, più forti e più grandi, hanno fatto bene, solo lei è sempre stata lasciata indietro. Le formiche la chiamavano per nome, l'hanno presa in giro. Era molto preoccupata per questo, lei camminava sconvolta. Aveva paura delle lezioni e di questa, che non avrebbe sopportato il peso dato e ne avrebbe avuto uno di nuovo. Preferibilmente non andrebbe affatto a scuola. Si vergognava dei brutti voti e questo, che lei è così debole. Gli amici della formica hanno giocato con riluttanza con lei, non volevano nemmeno sedersi sulla stessa panchina con lei. I giorni sono passati.

Una volta arrivò una commissione alla scuola, ogni formica è stata misurata, pesato. La piccola formica è stata studiata più a lungo; i membri della commissione la guardavano, hanno scosso la testa, poi si consultarono a lungo, fino a quando alla fine hanno governato, che alcune formiche sono troppo piccole e devono andare a scuola per lilipuziani. Dopotutto, non cresceranno molto più a lungo, e nelle classi più vecchie ci saranno nuovi oggetti e i pesi saranno ancora maggiori. Dopotutto, queste formiche saranno operaie. E 'stato deciso, che il piccolo andrà in una scuola speciale, dov'è anche la scienza?, solo un po' meno pesi, tale, che può sopportare facilmente. Frequenta una scuola speciale per lilipuziani! Altre formiche hanno riso. no a, e allora? Chiesto alla signora Mrówka, insegnante. Non potevano rispondere, ma continuavano a riderci sopra, facendo attenzione, non senti?. Andrò in un'altra scuola, decise la formica, perché qui, come posso vedere, non gli piaccio. Come pensava, così ha fatto.

La nuova scuola le è piaciuta subito, era uguale al precedente, eppure diverso, i pesi degli esercizi erano più bassi, e gli amici sono più carini. Dopo pochi giorni, la formica aveva sei e cinque nel diario. Ha trovato amici lì, come lei - piccole formiche. Le piaceva molto andare in questa scuola, era solo dispiaciuta, quando ha incontrato i colleghi del precedente, che continuava a ridere di lei, indicavano con le dita e chiamavano per nome.

Un giorno un gigante minaccioso stava camminando attraverso la foresta, agitò il bastone in tutte le direzioni e distrusse tutto, cosa c'era sulla sua strada?. Si imbatté in un formicaio e cominciò a praticarci dei buchi con il bastone. La terra tremava, le case cominciarono a crollare nel formicaio, scuole, tutte le formiche guardavano con orrore, come viene distrutto il loro lavoro. dovevi difenderti, così tutti hanno attaccato l'intruso in solidarietà. morso, come è scappato lo sfortunato, dove cresce il pepe. Le formiche soddisfatte sono tornate al formicaio. Si è scoperto dopo un po', che molte case e strade furono distrutte, così come oggetti di valore, tra l'altro la minuscola coroncina d'oro della regina. Un grande lamento regnò nel formicaio. Dopotutto, una regina non può governare senza una corona! La ricerca è iniziata. La corona però non c'era, non era così. Tutti i tunnel, tranne uno è stato controllato. Nessuno poteva entrare in quest'ultimo, Il tunnel serpeggiava in profondità nel terreno, era molto stretto, buio, pericoloso. Potrebbe crollare in qualsiasi momento e seppellire il temerario per sempre. Quindi nessuno ha provato ad entrare lì dentro. Solo la piccola formica ha fatto questo passo audace. E dopo un po', per uno stretto corridoio, scese sempre più in basso. C'era oscurità tutt'intorno, sentiva la terra umida. Ha controllato ogni sezione della strada lentamente. Non c'era nient'altro che oscurità lì. Tuttavia, non si è scoraggiata, è andato sempre più in profondità. Si è fermata un attimo, per asciugarmi il sudore dalla fronte, e poi l'ha visto, che qualcosa luccica. lei si sporse in. Ha trovato la corona. Felice che sia tornata come se avesse le ali. Tutti la ammiravano. Fu grazie al suo coraggio che la regina fu in grado di governare di nuovo il formicaio, le formiche vanno a scuola, e gli operai a lavorare. Sei estremamente coraggioso, disse la regina, consegnandole l'Ordine del Coraggio. Congratulazioni, non c'era fine agli abbracci. E quelli, che una volta la prendeva in giro, ora se ne vergognavano terribilmente.

Perché non importa, se sei grande, o piccolo; se ne indossi uno grande, o pesi leggeri. Che cosa è importante??"