Tartaruga

Tartaruga

favola terapeutica

Giorno FIABE Giorno:

suppongo, che può essere utilizzato in una situazione di rifiuto del bambino da parte del gruppo o di scherno o insulti. Testo per entrambi i gruppi, e per un bambino.

TESTO DEL RACCONTO:

Stava calando il tramonto. Il mare frusciava dolcemente e l'enorme tartaruga pensò, è un buon momento, per deporre le uova e seppellirle nella sabbia calda della spiaggia. Emerse lentamente dall'acqua e si diresse verso l'alta duna. Stava affondando in profondità, era molto stanca, ale wytrwale dążyła do celu. Wykopała dołek i złożyła w nim jaja, poi li coprì con cura e si mosse faticosamente verso l'acqua., per tuffarmi di nuovo nelle onde amiche. Lei non sapeva, che la volpe la guardava tutto il tempo e non appena scompariva nell'acqua, corse al nido, per rapire le uova di tartaruga da lui. Ne ha scavato uno velocemente e lo ha preso in bocca. Poi ha sentito delle voci. Spaventato, corse velocemente verso le dune, dove aveva la sua tana. Zakopał zdobycz w ciepłym piasku i ruszył na dalsze polowanie. Durante la notte è scoppiato un temporale. Il vento soffiava sulla spiaggia e sulle dune, versando sabbia in ogni direzione e al mattino la volpe non riusciva a trovare posto, in cui seppellì l'uovo.

Passarono i giorni caldi. Un giorno, piccole tartarughe sono nate dalle uova sulla spiaggia e hanno subito iniziato il loro viaggio verso l'acqua. Il viaggio attraverso la spiaggia è durato diverse ore. Quando finalmente sono arrivati, hanno imparato felicemente a nuotare e a procurarsi il cibo. Nel frattempo, nel profondo delle dune, il loro fratellino è fuggito da una profonda tana, rapito da una volpe. Non poteva vedere il mare, lui non sapeva, come arrivarci?, ma qualcosa gli diceva di andare nella giusta direzione. La sabbia calda gli ha scottato i piedini, il sole ha bruciato il guscio ancora morbido. La salita su per la collina è stata estenuante, ma la piccola tartaruga sentiva, che deve arrivarci, dove sarà al sicuro e troverà cibo. Era terribilmente affamato e stanco. In occasione, mentre i suoi fratelli felici si divertivano nell'acqua, scivolò lentamente sulla sabbia. Aveva viaggiato a lungo. Si stava facendo buio e faceva freddo, poi di nuovo luminoso e caldo, e stava ancora camminando. Quando era quasi esausto, ha visto il mare e i suoi fratelli nuotare. La vista gli diede energia e fu rapidamente sulla riva. – Ciao! Ha detto senza fiato. Le tartarughe lo guardarono stupite.

– Nuovo! Date un'occhiata a tutti! Tutto nella sabbia! Da dove vieni?! - hanno chiesto incuriositi.

– Sono strisciato fuori da lì - una tartaruga stanca ha annuito con la testa e ha toccato timidamente l'acqua salata con la bocca. Lui non sapeva, Come comportarsi.

– oh, paura dell'acqua!!! Ty, nuovo, e puoi nuotare?! Una delle tartarughe ha chiesto con una risata.

– Non lo so… Che cosa significa? La tartaruga imbarazzata ha chiesto.

Tutte le tartarughe tacquero, e poi sono scoppiati a ridere:

– Non sa! Tartaruga e non sa nuotare! Ciamajda!

La piccola tartaruga si sentiva molto triste. Ha cercato di spiegare, quanto è stato difficile per lui trovare i suoi fratelli, ma nessuno lo ha ascoltato. Voleva entrare in acqua, ma inciampò per la fatica e la fame. Le altre tartarughe stavano ancora ridendo, e si sentiva sempre più dispiaciuto. Ha immerso la testa nell'acqua, in modo che non possa essere visto, che sta piangendo. Poi è andato avanti e avanti. Zaczął Płynąć, ma tutti erano davanti a lui. Le tartarughe continuavano a ridere e a prenderlo in giro. Alcuni di loro hanno mostrato in particolare le loro abilità nel nuoto, e la tartaruga si vergognava, che è così goffo. Si pentiva sempre di più, che è riuscito a raggiungere il mare. Si sentiva terribilmente solo. Improvvisamente, una vecchia tartaruga emerse dall'acqua:

– Perché ridi del tuo fratellino?? Ha chiesto severamente.

– Vedere, Nonno, come nuota! Lento e strano! È ancora l'ultimo! È spaventato e così pigro! - gridarono divertite le tartarughe.

– Lo giudichi ingiustamente. Sai, quanto impegno ci ha messo, per arrivare qui? Nessuno di voi ha mai dovuto strisciare sulla sabbia senza acqua né cibo per così tanto tempo. Non lo sai nemmeno, quanto è difficile! Hai iniziato a nuotare prima di lui e questo, che fai meglio, non è merito tuo. non capisco, di cosa sei così orgoglioso…- ha concluso tristemente. Vergognose, le tartarughe tacquero, e qualche immersione pratica, per nascondere la mia confusione. Poi nuotarono lentamente fino alla tartaruga.

– Ci scusiamo, non essere arrabbiato. Non pensavamo, che la tua strada verso l'acqua è stata così lunga e difficile…

Turtle guardò i suoi fratelli e sorrise timidamente.

– dovrò esercitarmi a lungo, nuotare così bene, come te…- lui ha sussurrato.

– Questo `non è niente!!! Ti aiutiamo noi! Le tartarughe gridavano. - Vedrai, che ce la faremo insieme!

La tartaruga urlò di gioia e si tuffò avidamente per la prima volta.

– Grazie! Ha chiamato dopo un momento, emergendo dall'acqua. - E te lo dirò per questo, come sembrano.